Strict Standards: Non-static method JSite::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /htdocs/public/www/templates/journeyblogred/index.php on line 143 Strict Standards: Non-static method JApplication::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /htdocs/public/www/includes/application.php on line 536

Volevo un tappeto 16.

PERICOLO DI CORNA - Siamo a Shiraz, la città delle rose e dei poeti (per dire: noi abbiamo Leopardi, loro hanno Hafez). Il programma prevede la visita di Arg Karim Khan, una residenza-fortezza medievale della dinastia Zand. Poi c’è il giardino del Paradiso da ammirare. E soprattutto l’imponente Moschea di Shah Ceragh con la cupola coperta di specchi: uno spettacolo, abbagliante. Qui comincia quella che diventerà la prassi di questo tour iraniano: maschi e femmine percorsi separati, loro da una parte, noi dall’altra. Per entrare nella luccicante Moschea degli specchi assumo le sembianze di Belfagor.

 

Così, almeno, mi etichettano i compagni di viaggio dopo avermi vista con il chador preso all’ingresso e che mi copre dalla testa ai piedi. Dentro, la differenza tra noi - visitatrici occasionali - e loro - le donne persiane, è abissale. Noi guardiamo, loro pregano. Noi ammiriamo, loro passano il tempo sedute a terra chiacchierando, perfino studiando. È come se la Moschea fosse un punto di ritrovo. All’uscita, tolto il chador, tra i maschi della comitiva si parla di donne. Ecco, non tutti le preferiscono bionde. Di sicuro non mio marito. Magari per Marilyn Monroe avrebbe fatto un’eccezione, ma il suo tipo di donna è la mediterranea. Finché non ha visto le persiane. Occhi scuri. Penetranti. Praticamente perle nere. Sopracciglia scolpite. Lineamenti marcati. Labbra dal contorno perfetto. Saranno anche coperte, ma quelle belle-belle - e ce sono, eccome - emanano fascino. Dopodiché si può aprire il capitolo intitolato Ritocco: le sopracciglia non paiono scolpite, lo sono, per la precisione se le tatuano. Gli occhi sono penetranti anche grazie a un sapiente uso del kajal. E se i nasi sono perfetti, il merito è del chirurgo plastico: solo cinque anni fa Teheran risultava essere la città con il maggior numero di nasi rifatti al mondo, 35mila all'anno contro i 6mila del Regno Unito. Uno status symbol. Girare con il nasino incerottato è tuttora motivo di orgoglio: me lo sono rifatto. Vabbè, ritocco o non ritocco, qui con le persiane il rischio corna ci sarebbe.

2022  AldaVanzan.it   globbers template joomla