Strict Standards: Non-static method JSite::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /htdocs/public/www/templates/journeyblogred/index.php on line 143 Strict Standards: Non-static method JApplication::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /htdocs/public/www/includes/application.php on line 536

Volevo un tappeto 2.

VAI ALLA FENICE - La camicia un po' più lunga. Va bene. Io capisco che quando si va all'estero sta bene adeguarsi ai costumi del luogo. Ė una questione di rispetto. Sicuramente di educazione. Direi, di buona creanza. Ci sto. L'ho sempre fatto. Maldive (il mio mare preferito), pantaloni lunghi e camicia per le visite ai villaggi dei pescatori. Sri Lanka, copertissima per la visita ai templi buddisti. Idem in Thailandia. Ma per la Persia qualcuno avrebbe la cortesia di spiegarmi quanto lunga deve essere la camicia? Sopra le ginocchia? Sotto? E le caviglie? E i polsi?
Io, il burqa, l' ho messo. Un giorno mi chiama il direttore: "Procurati un burqa e vai a Castelfranco. Racconta cosa succede". Non l'ho detto? Il mio mestiere è raccontare i fatti altrui, che poi sono anche i nostri. Insomma, faccio la cronista. Il mio giornale è Il Gazzettino. Alla domanda "dove lo trovo un burqa" era seguita la risposta scontata del direttore. Della serie: arrangiati. Ricordo di aver fatto mentalmente la lista delle botteghe 'foreste' presenti a Venezia: tanti cinesi, ma di integralisti islamici tra Rialto e San Marco manco l'ombra. Ricordo di aver rotto le palle a Nicolao, non un sarto ma un artista, un mago del tessuto che a Venezia veste tutti, dai cast hollywoodiani ai turisti in preda a qualsiasi mania goldoniana. Ma non mi servivano favolosi veli ricamati con fili d'argento, belli e pesanti come piombi. Mi serviva un burqa. L'ho trovato alla Fenice. Non nel teatro divorato dall'incendio e ricostruito 'dov'era e com'era', ma nei suoi magazzini.  Che si trovano in terraferma. A Marghera. All'ombra di relitti che una volta erano fabbriche e ora sono scheletri di cemento. Non è stato facile. Due 'angeli',  scartabellando tra titoli di opera e costumi di scena,  hanno trovato lo scatolone. 'Lo vuoi marrone o grigio?". Grigio, dai, mi sta meglio con lo stivaletto nero. Sono stata a Castelfranco.  Poi ad Azzano Decimo, dove mi sono divertita e anche un po' impaurita, perché prima è arrivato un vigile e poi il sindaco in persona, e siccome in Italia è vietato coprire il volto, mi volevano multare e appioppare tutti i reati appioppabili. Vabbè, adesso devo andare in Iran, mica mi servirà il burqa?

2022  AldaVanzan.it   globbers template joomla