Strict Standards: Non-static method JSite::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /htdocs/public/www/templates/journeyblogred/index.php on line 143 Strict Standards: Non-static method JApplication::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /htdocs/public/www/includes/application.php on line 536

Volevo un tappeto 30.

IL PAESE DELLE CONTRADDIZIONI - In Iran l’alcol è vietato, la droga è vietata, le libertà sessuali sono vietate, l’adulterio è punito con la lapidazione, gli omosessuali rischiano di essere frustati, arrestati, impiccati. I rapporti di Amnesty International sulle libertà negate in Iran (uno degli ultimi dossier pubblicati denunciava la persecuzione nelle Università) sono terribili. Ma in Iran devono pur andare avanti e, come in qualsiasi altro paese, ci si arrangia. Fatta la legge, trovato l’inganno? Di più. Prendiamo i rapporti prematrimoniali: sono vietati. Però sono possibili i matrimoni a scadenza. In Internet ci sono siti appositi, quando si trova l’anima gemella si stipula il contratto e per una decina di giorni si è "sposati", con la scontata conseguenza che si può andare negli alberghi, nella stessa camera, senza nulla rischiare.
Marito e moglie. Da noi diremmo escort. (A proposito di matrimoni: a un uomo sono consentite quattro mogli a patto che la prima dia il consenso, anche se ultimamente si tengono una moglie e basta. Le donne che sottoscrivono i contratti a scadenza, prima di firmarne uno nuovo, devono lasciar passare 40 giorni, il tempo per verificare che non ci sia una maternità in atto, nel qual caso il marito "scaduto" dovrà farsi carico del figlio).
Ancora: la musica. Le donne non possono cantare come soliste perché la loro voce ecciterebbe gli uomini. Significa che in Iran le donne non cantano? No, significa che si trova un altro sistema per cantare. Ad esempio nelle scuole di canto, soprattutto a Teheran. Oppure nei locali, ad esempio i ristoranti, a patto di essere in un trio, due uomini e una donna.
Comunque, a sentire gli iraniani, ci sarebbe più libertà adesso con la Repubblica Islamica che non ai tempi dello Scià. Se non altro - dicono - qui esiste una opposizione. In Giordania, rimarcano, non c’è. Adesso si parla di regime, ma nessuno parlava della dittatura dello Scià. Obiezione: gli oppositori li mettete in galera, avete ancora la pena di morte. Replica: anche negli Stati Uniti c’è ancora la pena di morte. Non è la stessa cosa, ma con questo il confronto è chiuso.

2022  AldaVanzan.it   globbers template joomla